Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
 
Connetti
Utente:

Password:



VETRINA

Il chiropratico ti scrocchia le ossa

Sebastiano Fronteddu e Benito Oliva, dottori arrivati dal Canada dove la professione è riconosciuta dallo Stato: in Italia serve più informazione [Desirè Sara Serventi]

DESIRE' SARA SERVENTI
martedì 15 aprile 2014 11:19

Immagine tratta da kihorus.it
Immagine tratta da kihorus.it

di Desire' Sara Serventi

Il chiropratico ti scrocchia le ossa! Fa spallucce e sorride il Dr. Sebastiano Fronteddu precisando "quello che comunemente è chiamato scrocchio, in realtà si chiama cavitazione nella terminologia medica", e aggiunge "la cavitazione è quello scrocchio che uno sente quando fa il trattamento chiropratico, quei rumori che sembrano ossa che grattano tra di loro, sono in pratica articolazioni che si aprono, cioè due superfici articolari che si muovono rilasciando gas a loro interno - come aprire un barattolo sotto vuoto. Quando noi chiropratici, facciamo le manovre, tecnicamente chiamate "aggiustamenti", le articolazioni le stiamo allontanando, sbloccando, mettendo a posto una sublussazione cioè un' articolazione che non si muove correttamente e lo "scrocchio" indica che l'articolazione si è mossa, è una cosa salutare".

In Italia questa professione è riconosciuta dalla legge finanziaria 2008: articolo 2, comma 355 che prevede anche l'inserimento nel Servizio Sanitario Nazionale, ma per i soliti problemi politici non è ancora stata attuata. Non esiste ancora un albo; per garantire agli Italiani che il loro chiropratico sia preparato ai requisiti internazionali deve essere iscritto all'Associazione Italiana Chiropratici, questo è quello che ha spiegato il Dr. Benito Oliva. Sia il Dr. Fronteddu sia il Dr. Oliva arrivano dal Canada dove la loro professione è riconosciuta dallo Stato. Otto anni di studio all'Università, gli stessi anni di studio che, In Nord America si fanno per Medicina e Chirurgia, Veterinaria, Odontoiatria, etc., tutte regolarmente riconosciute dal Sistema Sanitario e tutte inserite nelle strutture Sanitarie e pagate tramite mutua. In Canada come in altri stati, spessissimo il primo punto di riferimento per i problemi muscolo scheletrici è il chiropratico. " Noi visitiamo il paziente è se ci accorgiamo che la situazione è gestibile tramite manipolazioni chiropratiche procediamo", spiega Dr.Fronteddu " altrimenti indirizziamo il paziente verso altri specialisti di competenza, anche consulenze chirurgiche se necessario".Nei paesi dove questa professione è riconosciuta il chirurgo, chiede spesso un riscontro col chiropratico stesso, per decidere se è veramente necessario ricorrere alla chirurgia. Chi è esattamente il chiropratico? " E' quel professionista sanitario che è responsabile per il buon funzionamento dell'apparato muscolare scheletrico e la sua relazione col sistema nervoso", spiega Dr. Sebastiano e aggiunge "mettendo a posto la schiena, garantiamo che il sistema nervoso possa fare meglio il suo lavoro, perché il sistema nervoso passa attraverso la schiena. Tutte le informazioni nervose partono dal cervello, entrano nel midollo e da quest'ultimo si diramano attraverso dei nervi spinali che vanno a comandare le funzioni del corpo".

Le patologie per cui il chiropratico può essere utile sono tutte quelle che riguardano il sistema muscolo scheletrico e vanno da un torcicollo, ernia del disco, sciatica, formicolii e tanto altro. Se c'è un problema meccanico spiega Dr. Fronteddu il farmaco può allenire il dolore ma non sempre risolve quel problema di compressione. L'ernia del disco ci spiega lo stesso dottore è un problema di compressione nella schiena su un nervo e questa va tolta tramite delle tecniche manuali o tramite chirurgia che dovrebbe comunque essere l'ultima riserva. Il chiropratico non annienta il mal di schiena spiega Fronteddu, ma permette di gestire al meglio la patologia. Il problema principale è che in Italia si fa ricorso alla chirurgia precoce perché c'è ancora diffidenza dovuta alla poca conoscenza nei confronti di questi dottori. Più informazione quindi darebbe almeno la possibilità al paziente di poter capire che oltre la chirurgia ci possono essere altre soluzioni.