Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


POLITICA

Civati scrive alla Sanna: 'Resta con noi'

Sul suo blog, il deputato del Pd invita la presidente del democratici sardi a un ripensamento

Redazione
giovedì 18 luglio 2013 15:47

wikipedia - Giuseppe Civati - Foto ijf10
wikipedia - Giuseppe Civati - Foto ijf10

"Leggo delle dimissioni (non quelle di Alfano, purtroppo) e mi dispiace. Valentina Sanna lascia il Pd con parole dure, che in larga parte condivido, ma che mi portano a fare una scelta esattamente contraria.", così Filippo Civati sul suo blog commenta la decisione del presidente del Pd sardo.

"Perché, cara Valentina, lo dobbiamo proprio ai nostri elettori, ai nostri iscritti, alle nostre convinzioni più profonde. Al patrimonio di storie e di esperienze che fanno parte del nostro progetto politico e della storia del nostro Paese. Bisogna riportare il Pd dalla sua e nostra parte. Chiarire i molti equivoci, superare le mille timidezze, definire il percorso che ci riporti a superare nel migliore dei modi questa fase di emergenza, con una nuova legge elettorale e le misure fiscali ed economiche che le persone e le categorie attendono. Per poi tornare a votare con un centrosinistra ricostruito e coraggioso, capace di recuperare quei milioni di voti che abbiamo perduto e di offrire al cambiamento un progetto di governo. E con un Pd restituito a se stesso e ai suoi elettori."

"Cara Valentina, - conclude Civati - ripensaci e facciamolo insieme. Esattamente per i motivi a cui ci richiami. Non altri, proprio quelli"

Torna alla Home

Commenti
  • Anonimo 22/07/2013 alle 14:38:05 rispondi
    Civati dice una cosa giusta, il problema è che non si cambia dal di dentro se poi non si vota a favore della sfiducia ad Alfano sul caso Kazakistan.
  • Anonimo 22/07/2013 alle 14:41:51 rispondi
    Il PD è al capolinea. Non può continuare l'equivoco di ex DC ed ex PCI questo nuovo partito non potrà mai portare avanti le istanze sia degli unii che degli altri. Le strade devono dividersi.....