Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


TERRITORIO

Assemini: sfregiata la piccola chiesetta dedicata all'apostolo Sant'Andrea

Sant'Andrea deturpata da ignoti per i quali la stessa connotazione di vandali risulta edulcorata

Redazione
lunedì 8 maggio 2017 07:10

di Veronica Matta

Oggi la chiesa di San'Andrea, che si trova all'ingresso di Assemini sulla SS 130, è stata visibilmente deturpata da ignoti per i quali la stessa connotazione di vandali risulta edulcorata. La chiesa si mostra da oggi in questo stato agli occhi di cittadini e visitatori.

Due scritte simbolo che si rifanno all'antica e forte rivalità tra due squadre calcistiche isolane, sfregiano la piccola chiesa settecentesca dedicata all'Apostolo Pescatore Sant'Andrea, fratello del più famoso San Pietro, primo Papa di Roma, con una vernice di colore nero. Una domanda che mi pongo da atea e da cittadina è come si possa sfregiare una delle Chiese tra le più antiche e belle di Assemini.

Cenno storico

La chiesetta di Sant'Andrea situata all'ingresso di Assemini, un tempo chiesa campestre, oggi è avamposto dell'espansione dell'edilizia cittadina. Si dice che questa abbia all'interno una grossa pietra, sotto cui ci fosse un tesoro, così un giorno, qualcuno andò a sollevarla, ma sentì una voce che gli disse: "rimettimi dove'ero perché stavo molto meglio"; così fu e non venne più toccata. In realtà la grossa pietra non era altro che un grosso cippo miliare che attualmente è conservato nei locali del Circolo-oratorio della Parrocchia. Benché la festa liturgica sia il 30 novembre, commemorazione del suo martirio, ormai da diversi anni Sant'Andrea, chiamato dai greci "Protocleto", cioè "chiamato per primo" ad essere discepolo di Gesù, è festeggiato dagli asseminesi la terza domenica di settembre con grande concorso di folla. Il Casalis, nel suo dizionario del 1833, ricorda che la festa era celebrata il 21 settembre di ogni anno. Dal 1967 al 1984 la festa fu sospesa e la Chiesa abbandonata andò in rovina. Per interessamento della Famiglia Vincis, tra il 1984 - 1985, il Comune stanziò un finanziamento al fine di ristrutturare la Chiesa.Da questo momento si riprese a celebrare la festa di Sant'Andrea. Per tanti anni il Comitato organizzava il festeggiamenti in onore del Santo Patrono dei pescatori con il sostegno dei soci e della popolazione. Dal 1990 invece è nata l'Associazione Sant'Andrea . Fonte: portale sito istituzione Comune di Assemini.

Affinché non avvengano più simili danneggiamenti, si spera che al più presto vengano installate delle telecamere per controllare alcuni punti sensibili ad atti vandalici.

 
Connetti
Utente:

Password: