Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


POLITICA

Pili: 1000 sardi discriminati per concorso magistratura

Mille sardi dovranno farsi carico di non meno di 4 voli andata e ritorno per partecipare ad un concorso per le cancellerie dei tribunali

Redazione
martedì 31 gennaio 2017 08:28

"Dovranno farsi carico di non meno di 4 voli andata e ritorno per partecipare ad un concorso per le cancellerie dei tribunali. E' il calvario che rischiano di dover affrontare quasi mille concorrenti sardi per il concorso che vedrà la partecipazione di 300.000 partecipanti. E' una discriminazione verso i concorrenti sardi sia sul piano della logistica che dei costi che dovranno sostenere. E' indispensabile spostare le prove anche in ambito regionale quando si tratta di così tanti concorrenti. Il ministro blocchi questo calvario e disponga almeno per la Sardegna prove senza discriminazioni".

Lo ha chiesto stamane il deputato di Unidos Mauro Pili al Ministro della giustizia con un'interrogazione al governo per dislocare in Sardegna la prova che riguarda i candidati residenti nell'isola.

Il testo dell'interrogazione

Interrogazione a risposta in Commissione

Al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della giustizia - Per sapere - premesso che: le iscrizioni al bando di concorso 800 assistenti giudiziari indetto dal Ministero della Giustizia si sono chiuse il 22 dicembre 2016; il concorso cancellieri si articola in un test scritto e in un esame orale volto anche ad accertare le competenze linguistiche e informatiche dei candidati; gli aspiranti cancellieri che hanno inviato la propria candidatura potrebbero essere così tanti da dover affrontare la prova preselettiva; nel bando è previsto che qualora il numero di iscritti al concorso 800 cancellieri fosse 5 volte superiore ai posti in palio (più di 4mila candidati) gli aspiranti assistenti giudiziari dovranno affrontare la prova preselettiva; il 14 febbraio 2017 il Ministero della Giustizia saranno pubblicate sul sito ufficiale www.giustizia.it e in Gazzetta Ufficiale della Repubblica - 4° serie speciale le date delle prove ed eventuale prova pre-selettiva; il numero di domande inviate ha superato le 300mila iscrizioni la prova pre-selettiva è praticamente confermata; appare evidente che ogni singolo candidato che dovesse superare le prove dovrebbe sostenere spese rilevanti per il trasferimento a Roma per lo svolgimento del concorso; è altrettanto evidente che i quasi 1000 concorrenti provenienti dalla Sardegna non solo dovrebbero sostenere spese decisamente superiori a qualsiasi altro candidato proveniente dal resto d'Italia; è accertato che non esiste una disponibilità di posti così concentrata per il viaggio verso Roma e che ci sarebbero oggettive discriminazioni nel partecipare a tale concorso per i residenti in Sardegna; se non ritenga necessario prevedere e pianificare l'utilizzo di strutture e organizzazione regionale per evitare questo "calvario" per sostenere un concorso che dovrebbe mettere tutti i candidati nelle medesime condizioni di partecipazione; se non ritenga di dover con urgenza valutare la dislocazione delle prove in ambito regionale o perlomeno tenendo conto dei fattori più evidenti di mobilità e costi per i singoli candidati, a partire dalla regione Sardegna già gravemente penalizzata e discriminata in tal senso;