Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


TERRITORIO

Decimomannu: 'non è più un paese a vocazione agricola'

Un dibattito per riportare al centro il ruolo dell'agricoltura

Redazione
sabato 14 gennaio 2017 19:21

di Veronica Matta

Qual è l'attuale situazione agricola del territorio? Quali i motivi del'abbandono, del cambiamento? Cosa si sta coltivando oggi nel territorio? Dall'analisi della produzione alle soluzioni proposte dall'amministrazione comunale di Decimomannu: su Mercau Mannu.

Il dibattito svoltosi ieri a Decimomannu, organizzato dal Gas-semini con l'associazione Sogni di filo e l'amministrazione comunale capeggiata dal sindaco Anna Paola Marongiu dal titolo "Dall'agricoltura all'agricultura", ha posto al centro lo stato di salute economico, sociale e culturale del mondo contadino attuale del territorio. Sono lontani i tempi in cui Decimomannu era il primo produttore del carciofo spinoso, cosi come lo sono quelli in cui a prevalere era l'allevamento bovino, per non parlare dei vigneti, oggi inesistenti. Decimomannu non è più - dichiara con rammarico l'assessore all'agricoltura, Massimiliano Mameli - un paese a vocazione agricola. Terreni abbandonati, vigneti e agrumeti inesistenti, l'80% dei terreni di Decimomannu abbandonato. Perché? I fattori sono tanti, primo fra tutto l'industrializzazione, il costo dei carburanti, la scorretta concorrenza dei Paesi europei.

Il Mercau Mannu oggi affidato al Gas-semini rappresenta un progetto con più ampio respiro rispetto al passato. Esso includerà oltre alla vendita dei prodotti agricoli, spazi per la cultura. La vita contadina si unirà con quella degli artigiani. Su Mercau Mannu riavvicinerà l'artigianato attraverso l'agricoltura. Non solo pomodori, cavolfiore, zucchine, ma anche cultura. Come? Attraverso i laboratori dei mestieri di un tempo, si imparerà la lavorazione di cesti, l'impagliatura de is cannus, il ricamo direttamente dai maestri dell'artigianato tradizionale che si riuniranno il sabato mattina, contemporaneamente al mercato.

Un'amministrazione attenta appare quella che ieri sera ha partecipato per tutto il dibattito coinvolgendo associazioni, artigiani, agricoltori e giovani imprenditori agricoli che da ieri sono meno soli e supportati dalla volontà della Sindaca del Comune di Decimomannu in carica che ha chiuso l'incontro invitando alla fermezza e perseveranza nei propositi e nell'azione.