Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


CULTURA

Teatro Massimo: lo spettacolo 'Comuni marziani'

In scena la compagnia Tecnologia filosofica che con levità e ironia sgretola i pregiudizi sull'omosessualità

Redazione
martedì 25 ottobre 2016 10:31

Martedì 25, e mercoledì 26 ottobre, arriva nel Teatro Massimo di Cagliari, per la 100° replica dalla sua creazione, "Comuni marziani, ovvero dell'omosessualità e dell'affettività", spettacolo di teatro-danza della compagnia torinese Tecnologia filosofica. L'appuntamento è un'anteprima della IV edizione di "Approdi, festa d'arte e comunità", organizzato dall'associazione Carovana SMI, partner del progetto 10 nodi-Festival d'autunno.

"Comuni marziani" (che sarà in scena domani alle 20, e in replica per le scuole mercoledì 26 alle 8.30 e alle 11) ha per tema l'omosessualità, intesa come uno dei modi di vivere la sfera affettiva. In una società e in un'epoca storica che preme sull'individuo per farlo rientrare in categorie predeterminate, la persona che ama un individuo dello stesso sesso si trova a vivere, fin dall'adolescenza, enormi conflitti. Quello che è vissuto come inevitabilmente naturale e spontaneo diventa agli occhi degli altri una forma di devianza da condannare.

Lo spettacolo si propone così di affrontare quella sottile linea d'ombra che non ha età e che costituisce il passaggio dell'individuo da una fase di non accettazione e spesso di solitudine - in cui ci si sente "sbagliati", "marziani" appunto - ad una fase di riconoscimento di se stessi, di apertura al mondo, di confronto, di accettazione che i propri sentimenti hanno gli stessi sapori, le stesse dinamiche e gli stessi profumi di quelli vissuti dagli altri, con la differenza che sono indirizzati ad un compagno dello stesso sesso. Attraverso situazioni teatrali che prediligono il linguaggio della danza, la vita reale, ispirata a racconti, storie ed esperienze personali, si colora in scena di tinte surreali, a volte comiche, spesso grottesche. "Comuni marziani" è uno spettacolo di Stefano Botti e Aldo Torta. In scena ci sono gli stessi Botti e Torta insieme a Francesca Cinalli, Riccardo Maffiotti, Franceca Brizzolara, Elena Valente. La compagnia Tecnologia Filosofica è uno dei partner del progetto triennale Silence in the dance Landscape, selezionato dal MIBACT per le azioni trasversali, danza e inclusione sociale, di cui Carovana SMI è capofila. La produzione "Comuni Marziani" gode del patrocinio dell'UNAR (Ministero Pari Opportunità) e di Amnesty International Italia. In collaborazione con ARC, Agedo Cagliari e il Teatro Massimo. Comuni Marziani è stato selezionato dal Sistema Teatro Torino nell'ambito di "Rigenerazione 2007", come uno dei migliori lavori presentati alla vetrina. Informazioni: carovana.smi@gmail.com / cell. 3393537727

 
Connetti
Utente:

Password: