Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


L'EDITORIALE

100 anni fa il genocidio degli armeni e i turchi ancora negano

I turchi hanno ancora il coraggio di sminuire quanto accaduto riducendo la cifra tra le 250.000 e 500.000 vittime.

CLAUDIA SARRITZU
domenica 12 aprile 2015 17:52

di Claudia Sarritzu

Se si potesse dare un colore a un'epoca, io al novecento darei il rosso. Il secolo più moderno, dove con una velocità sorprendente l'umanità ha fatto passi da gigante, migliorando le proprie condizioni di vita e allungando la stessa esistenza almeno a coloro che sono nati nella parte giusta del pianeta, sarà ricordato per delle tragedie immani.

Il secolo trascorso è rosso per il sangue versato in tutti i genocidi compiuti. Esattamente un secolo fa, nel 1915, cominciavano nell'impero ottomano i massacri e le deportazioni della popolazione armena. Pochi lo sanno, a scuola non si studia. In soli tre anni sono morte 1,3 milioni persone, secondo gli armeni, ma anche secondo la generalità degli storici. I turchi hanno ancora il coraggio di sminuire quanto accaduto riducendo la cifra tra le 250.000 e 500.000 vittime. E Papa Francesco oggi ci ha dato l'occasione per parlarne, per spolverare la memoria, lo ha definito oggi il primo genocidio moderno.

A Erevan, la capitale dell'Armenia il genocidio viene ricordato ogni anno il 24 aprile, anniversario dell'arresto di migliaia di leader della comunità sospettati di essere ostili a Costantinopoli, dove spadroneggiavano i famosi (oggi per la corrente Pd), Giovani Turchi, che volevano creare uno stato nazionalista turco.

In un certo senso il 900 è stato il secolo del nemico a tutti i costi, da trovare e annientare, un nemico che spesso era interno, un capro espiatorio da usare per cercare di offrire un'alibi ai governi, uno sfogo al popolo. Sterminare una minoranza è stato il diversivo politico più usato in tutto il vecchio continente. Un modo come un'altro per incanalare la rabbia in momenti di crisi e di passaggio. Nel febbraio 1914 gli ottomani, nonostante le pressione dei paesi occidentali, si impegnarono ad avviare riforme per tutelare le minoranze etniche e religiose. Ma scoppiata la prima guerra mondiale, a fianco della Germania e dell'impero austro-ungarico, tutte queste promesse furono smentite dai fatti. Dopo gli arresti dei leader armeni, nel maggio 1915 "una legge speciale autorizzò le deportazioni per motivi di sicurezza interna di tutti i gruppi sospetti".

Gli armeni dell'Anatolia e di Cilicia, furono deportati verso i deserti della Mesopotamia. L'esodo fu forzato, la maggior parte morì di stenti e malattie durante il tragitto stesso. Gli altri morirono come mosche nei campi di confine. Una sorta di anello temporale che ha unito le riserve degli indiani d'america ai lager nazisti.

Siamo di fronte alla prima "pulizia etnica" della storia del secolo. L' obiettivo era quello di occupare le terre appartenenti agli armeni, situate tra la Turchia e il Caucaso, e togliere alla minoranza che era di religione cristiana qualsiasi illusione su eventuali riforme. Con la fine della Grande guerra e la pesantissima sconfitta dell'impero ottomano, venne istituito uno Stato armeno, che venne a far parte dell'Unione sovietica.

Perché i turchi si sono offesi con il Papa oggi? La Turchia ancora nel 2015 non ammette che si trattò di genocidio, afferma che furono commessi massacri e che molti armeni persero la vita durante le deportazioni. Non solo Ankara giustifica l'accaduto sostenendo che si trattò di repressione contro una popolazione che collaborava con la Russia.

Anche la storia fu tardiva nel riconoscere che fu genocidio. Era il 1985, il primo via libera venne dalla sottocommissione dei diritti umani dell'Onu, e nel 1987 dal Parlamento europeo. I Paesi che riconoscono il genocidio sono 20, tra cui il nostro Paese. Oggi nel mondo vivono 8 milioni e mezzo di armeni, soprattutto in Russia, Stati Uniti, Canada, Medio Oriente e Francia.

L'anno scorso,Recep Tayyip Erdogan aveva fatto le condoglianze ai nipoti di coloro erano stati sterminati. Una mossa di convenienza, dettata da interessi di politica internazionale. Le condoglianze furono accolte con freddezza dalla comunità armena. Oggi il Papa ha finalmente detto a chiare lettere cosa fecero i turchi agli armeni un secolo fa. Perché non bisogna mai tacere davanti alla verità. Se no si è complici.

Torna alla Home

 
Connetti
Utente:

Password: