Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


VIDEO

Cagliari Via Cornalias - siringhe e tossici ovunque - Le testimonianze

Is Mirrionis e San Michele da troppi anni sono ostaggio di tossicodipendenti e spacciatori[ALESSANDRO CONGIA]

ALESSANDRO CONGIA
mercoledì 19 novembre 2014 10:49

di Alessandro Congia

Is Mirrionis e San Michele da troppi anni sono ostaggio di tossicodipendenti e spacciatori, ma quel che è peggio è la presenza di centinaia di siringhe usate e gettate nei marciapiedi, in mezzo alle aiuole, tra i giardinetti. Cittadini in ostaggio di una situazione che comprensibilmente provoca malessere, tensioni, paure, anche per le decine di aggressioni subite nel quartiere: tra via Cornalias, via Serbariu, via Ranieri Sampante, via Serpieri e zone limitrofe, il viavai dei tossicodipendenti è impressionante.

Bucarsi tra le vie semi-nascoste è diventato ormai consuetudine: gli stessi operatori ecologici della DE.VIZIA, sono costretti loro malgrado a raccogliere ogni giorno centinaia di siringhe, fazzolettini sporchi di sangue e altre sporcizie lasciate dagli eroinomani. Dietro la cabina elettrica ENEL di Via Cinquini, accanto alla recinzione dell'asilo di Via Serbariu, è piena emergenza: un muretto a secco tirato su anni fa, fa da sponda (se così si può dire) tra i residenti e chi si buca; ma anche tra i giardinetti, è pressocchè impossibile passeggiare tranquillamente perchè si ha paura sia dei tossici, sia delle siringhe.

Nel breve ma significativo reportage di quest'oggi, lo sfogo di un operatore della DE.VIZIA, esasperato così come lo sono i cittadini stessi. Buona Visione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Novembre 2014

Servizio Giornalistico di Alessandro Congia

Torna alla Home

 
Connetti
Utente:

Password: